I TESORI TEATINI ED ABRUZZESI, TRA SACCHEGGI E INTERRAMENTI

Tempo di lettura: 9 minuti

Dalla lettura della maggiore opera di Girolamo Nicolino, storico teatino vissuto nel 17° secolo, si rileva che a Chieti, nella piazza maggiore, accanto alla cattedrale, faceva bella mostra di se’ un monumento di pregiatissimo candido marmo consistente in una colonna con la sovrastante statua di altissima architettura, recante il mezzo busto di Achille.

Leggi tutto “I TESORI TEATINI ED ABRUZZESI, TRA SACCHEGGI E INTERRAMENTI”

LA PROSTITUZIONE A CHIETI (seconda parte, dal ‘500 al XX secolo)

Tempo di lettura: 8 minuti

Tra la fine del ‘400 e l’inizio del 500 Chieti conobbe, a più riprese, il morbo della peste e la più grave epidemia di morte nera del periodo, come precisa il Nicolino, fu quella del 1497, quando morirono seicento teatini, anche se la più devastante in assoluto arriverà un secolo e mezzo dopo mietendo oltre mille vittime.

Leggi tutto “LA PROSTITUZIONE A CHIETI (seconda parte, dal ‘500 al XX secolo)”

DUE RICORDI NELLA MEMORIA CALCISTICA CHIETINA

Tempo di lettura: 8 minuti

C’è un modo di dire ripetuto spesso all’interno della tifoseria neroverde, una sorta di intercalare che, più di ogni altro, riesce a rendere meglio il significato di tante delusioni patite, che peraltro non riescono a scalfire un’indissolubile fede nei confronti di un giocattolo che resiste da quasi un secolo nei sogni del mondo pallonaro teatino:

Leggi tutto “DUE RICORDI NELLA MEMORIA CALCISTICA CHIETINA”

ABRUZZO, TERRA DI MIGRANTI.

Tempo di lettura: 7 minuti

L’Abruzzo, come del resto l’intera Italia, grazie soprattutto al Meridione, si è ritagliato nel mondo una caratteristica fondamentale, come uno dei segni distintivi che dalla seconda metà del XIX secolo in poi l’hanno contraddistinta: il fenomeno migratorio. Fino al 1880 gli abruzzesi si ponevano al decimo posto nazionale per frequenza migratoria, fino al 1900 risalivano alla quinta posizione e al 1925 erano già al quarto posto.

Leggi tutto “ABRUZZO, TERRA DI MIGRANTI.”